5 Marzo 2024

Derinkuyu, una delle città sotterranee di Cappadocia.

Un uomo proveniente dalla provincia di Nevşehir, in Turchia, nel 1963, presumibilmente decidendo di fare lavori in casa, ha abbattuto un muro notando subito ha notato una stanza misteriosa. Seguendo il percorso, evidentemente non da solo, è stato trovato un intricatissimo sistema di tunnel che portava ad altre stanze che avevano tutto l’aspetto di una caverna. Quello che è stato scoperto era il sottosuolo della città turca di Derinkuyu

L’elaborata rete sotterranea includeva ingressi discreti, passaggi comunicanti, pozzi di ventilazione che, per evitare avvelenamenti, non erano collegati alla superficie, ed aveva persino un accesso ad una fonte di acqua fresca. Questa era una delle numerose città sotterranee scavate nella roccia migliaia di anni fa in Cappadocia, rimanendo nascosta per secoli. E’ la sesta ritrovata fino ad ora. 

Oltre che ad abitazione, il sottosuolo è stato utilizzato anche per ricavare una scuola, delle sale comuni, dei negozi e delle vie di fuga.Probabilmente è stato utilizzato anche come un enorme bunker per proteggere i suoi abitanti da guerre o calamità naturali.

Questa città sotterranea non è né la più grande né più antica, ma con le sue 18 abitazioni è la più profonda a Derinkuyu.

Approfondimento su Something Interesting.